Info Lago Maggiore

Dal porto di Laveno, a 10 km o dal porto di Santa Caterina Del Sasso, a 7 km dal B&B dei Laghi, è possibile imbarcarsi per un incantevole viaggio sul lago Maggiore e visitare: le tre Isole Borromee, villa Taranto, villa Pallavicino e raggiungere anche Locarno e Ascona nella vicina Svizzera.

Locarno Svizzera

Lo charme dei paesi del sud, la famosa Piazza Grande, 2.300 ore di sole all’anno e una chiesa la cui fondazione rimanda ad un’apparizione mariana – tutto questo è Locarno, la più calda città della Svizzera adagiata sulla riva settentrionale del Lago Maggiore. La vegetazione meridionale, caratterizzata da palme o limoni, cresce al centro di Locarno conferendole il suo particolare fascino. Il suo cuore è la Piazza Grande, famosa per il festival cinematografico che vi si tiene ogni anno. Gli stretti vicoli del centro storico convergono tutti verso la Piazza. A margine del centro storico si erge la fortificazione del Castello Visconteo, risalente al XII secolo, di cui un quinto circa si conserva ancora nello stato originale. Al di sopra di Locarno, a Orselina, si trova il Santuario della Madonna del Sasso, la cui fondazione si rimanda ad un’apparizione mariana. È la principale attrattiva turistica di Locarno, con una fantastica vista sulla città, sul lago e sulle montagne.

*********************************************

 

Ascona Svizzera

Ascona è la località più bassa della Svizzera. Si trova infatti a 196 m s.l.m., sulla riva settentrionale del Lago Maggiore. Ascona è famosa per il suo centro storico, per il lungolago dal sapore mediterraneo – grazie ai suoi caffè all’aperto – e per il clima mite.  L’antico centro storico di Ascona, Borgo, ruota attorno alla notevole Chiesa di San Pietro e Paolo, una basilica con colonnato del XVI secolo, il cui alto campanile rappresenta il simbolo della località di villeggiatura. Le ramificate stradine del centro storico convergono sul lungolago vietato alla circolazione e punteggiato dai caffè all’aperto. Ronco sopra Ascona è uno dei siti più popolari affacciati sul Lago Maggiore, incantevole panorama sul lago e le montagne; una pittoresca scalinata di 800 gradini vi condurrà fin sulla riva del lago.

*********************************************

 

Villa Pallavicino

Villa Pallavicino fu costruita nella seconda metà dell’Ottocento secondo i canoni artistici e paesaggistici del tempo; nell’intento di preservare la spontaneità dell’ambiente naturale, la villa fu circondata da un grande giardino all’inglese, esteso per oltre 15 ettari, dove tutt’oggi si alternano prati, arbusti e zone ricche di grandi alberi. Gli odierni proprietari, i marchesi Pallavicino, acquistarono la proprietà nel 1862 arricchendola di serre e viali che oggi si estendono per sette chilometri. I fiori con i loro sgargianti colori sono l’elemento più appariscente del paesaggio, ma la vera meraviglia sono gli alberi: i secolari castani e lyriodendri (forse tra i più antichi in Italia), i faggi rossi, gli aceri, i larici, i maestosi ginko biloba, le altissime sequoie, i platani e le profumatissime magnolie. Vera e propria attrazione è il grandioso cedro del Libano posto nell’anfiteatro naturale di fronte alla villa. Agli amanti dei fiori è dedicata la zona più pianeggiante e soleggiata del parco, il viale delle serre: una vera festa di colori e profumi. La grande serra ospita piante esotiche e ornamentali, mentre le aiuole sono un’esplosione di rose, azalee, rododendri, narcisi, magnolie e glicini. Tra i fiori emergono gli specchi d’acqua delle fontane e dei laghetti nelle cui acque nuota regale il cigno nero. Nei dintorni si possono ammirare fenicotteri, cicogne e anatroccoli in semilibertà. Il parco di Villa Pallavicino non è un vero e proprio zoo poichè la presenza degli animali è quasi naturale: essi si aggirano tra i boschi e corrono nei prati: i visitatori possono avvicinare i lama, le caprette tibetane e i daini. Nei pressi della romantica cascina Filippina regali pavoni, liberi nei prati, si lasciano ammirare con le loro magnifiche code. Non mancano animali insoliti per queste latitudini quali il canguro, la lontra, la zebra, l’alpaka e, tra i volatili, il calao e i pappagalli. Dedicata ai bambini vi è un’area adibita a parco giochi con scivoli e altalene.

*********************************************

 

Villa Taranto

I giardini di Villa Taranto, situati a Verbania, tra Intra e Pallanza, sono conosciuti in tutto il mondo per la loro bellezza e per la ricchezza di specie floreali che ospitano. Risultato della laboriosa elaborazione intrapresa dal Capitano Mc Eacharn nel 1931, questi giardini dalle mille sfumature cromatiche e dai mille inebrianti profumi regalano da marzo a novembre meravigliose scenografie floreali ai visitatori. Rappresenta uno dei giardini botanici più importanti del mondo con migliaia di specie di piante e fiori provenienti da ogni luogo ed armoniosamente distribuite sopra un’area di circa 16 ettari, attraversata da 7 km di viali. Impossibile, anche solo sommariamente, rendere l’idea della ricchezza di colori, profumi ed emozioni: eucalipti, azalee, rododendri, magnolie, michelie, aceri, camelie, dalie, tulipani, fiori di loto, eriche, astri nani, ortensie, numerose piante tropicali (tra cui la Victoria cruziana), esemplari rari come la Dicksonia antartica e la Davidia involucrata). La creazione di questo magnifico posto fu opera del capitano scozzese Neil Mac Eacharn, che acquistò la villa nel 1931 con la precisa ambizione di creare un giardino da sogno sulle sponde dell’amato Lago Maggiore.

*********************************************

 

Isola Bella

L’Isola Bella è una vera e propria perla naturale che la mano dell’uomo ha reso ancora più preziosa; da sempre è una delle mete preferite nella zona del Lago Maggiore e destinazione irrinunciabile per tutti coloro che vogliono godere di un panorama dall’indescrivibile fascino. A dominare l’isola il suo bellissimo palazzo barocco, affiancato da un lussureggiante giardino all’italiana alto 37 metri e disposto su dieci terrazze discendenti. Sono aperte alla visita numerose aree del palazzo: sale riccamente allestite e lussuosi saloni arricchiti con inestimabili opere d’arte. Nel giardino si trovano fiori e piante esotiche molto rare, la cui crescita è permessa dal clima particolarmente mite del Golfo Borromeo. Ovunque prevale la ricerca scenografica, culminante nel “Teatro” che chiude il sovrapporsi delle terrazze: a dominare la scena è la statua del Liocorno, insegna araldica dei Borromeo, fiancheggiata dalle statue della Natura e dell’Arte. Lo stupendo e vastissimo giardino è ulteriormente abbellito da vasche, fontane e da una moltitudine di statue risalenti alla seconda metà del Seicento. Contribuiscono all’incantevole fascino del luogo anche i pavoni bianchi, liberi di girare sui prati vellutati.

*********************************************

 

Isola Pescatori

L’Isola dei Pescatori, detta anche Isola Superiore per la posizione più a nord rispetto alle altre isole del golfo, è sicuramente la più pittoresca delle Isole Borromee, nonchè l’unica a essere stabilmente abitata. Il suo piccolo e antico borgo si caratterizza per gli stretti vicoli su cui spiccano le tipiche abitazioni a più piani, con lunghi balconi adibiti all’essiccamento del pesce; gli abitanti dell’isola vivono, infatti, principalmente di pesca e di turismo.  Il suo inconfondibile e suggestivo profilo è contraddistinto dall’aguzzo campanile della Chiesa di San Vittore che spunta sui tetti rossi delle case e la sua riva è sempre occupata dalle piccole barche dei suoi cinquanta residenti. La suggestione aumenta alla sera, quando l’intera isola viene avvolta da un’armoniosa illuminazione che la trasforma in un vero e proprio quadro vivente, specchiato nelle docili acque del Lago Maggiore.  Giunti sull’isola è impossibile non visitare la Chiesa di San Vittore, eletta a monumento nazionale, che conserva tuttora l’originario abside con finestre monofore risalente al sec. XI. Al suo interno è conservato un affresco cinquecentesco raffigurante Sant’Agata, oltre ad alcune tele seicentesche e ai busti in legno degli apostoli Pietro e Andrea, patroni dei pescatori.

*********************************************

 

Isola Madre

L’Isola Madre si trova nel Golfo Borromeo innanzi a Stresa a poche centinaia di metri dalla riva e raggiungibile con un paio di minuti di navigazione con battello oppure con le tante piccole imbarcazioni che effettuano questo servizio presenti nel porticciolo all’imbarcadero. Solitaria e rigogliosa è quasi interamente occupata dal bellissimo Giardino Botanico con piante provenienti dalle terre più remote, nel quale vivono in libertà fagiani di ogni specie, pavoni bianchi e pappagalli. Ospita inoltre nell’interno il settecentesco Palazzo Borromeo di rara bellezza. E’ l’isola più grande del Golfo Borromeo, antica e tranquilla residenza della famiglia Borromeo oltre a essere molto verde e ombreggiante è dotata di viali che la percorrono lungo le sue rive. All’interno del Palazzo del XVI secolo oltre a libri antichi e porcellane vi è anche una rara collezione di marionette antiche.

*********************************************

 

Nel vicino Comune di Leggiuno, a 7 km dal B&B dei Laghi, si può visitare l’Eremo di Santa Caterina del Sasso, raggiungibile dal lago oppure scendendo per una lunga scala in sasso o con l’asciensore, che parte dal soprastante parcheggio. Dal porto di Santa Catesina del Sasso, è possibile imbarcarsi per un incantevole viaggio sul lago Maggiore e visitare: le tre Isole Borromee, villa Taranto, villa Pallavicino e raggiungere anche Locarno e Ascona nella vicina Svizzera.

Santa Caterina del sasso

Costruito a strapiombo sul lago Maggiore, l’Eremo è composto da tre nuclei distinti, distribuiti lungo un costone roccioso. Dal portone d’ingresso si accede al convento meridionale e si percorre un portico ad archi , con stupenda vista sul lago. Attraversato un cortiletto con un torchio ligneo del 1759 si giunge al conventino e quindi alla chiesa, la cui origine è romanica. L’edificio attuale ha una struttura davvero singolare, frutto della fusione di tre cappelle originariamente distinte. Di grande ricchezza e qualità sono i cicli pittorici, soprattutto quelli trecenteschi, nella chiesa, così come nella Sala Capitolare. Secondo la leggenda l’eremo fu fondato da Alberto Besozzi di Arolo, un usuraio scampato a un naufragio per intercessione di Santa Caterina d’Alessandria nel 1170 e ritiratosi a vita eremitica sul Sasso Ballaro. Tre cappelle sorte in tempi successivi divennero presto meta di pellegrinaggio e il luogo stesso fu considerato miracoloso: celebre è il prodigio di inizio ‘700, quando cinque enormi massi precipitarono sulla chiesa, ma restarono impigliati nella volta di una cappella, rimanendovi sospesi per quasi due secoli, fino al 1910.

*********************************************

 

Partendo dal centro del Comune di Laveno, a 10 km dal B&B dei Laghi, è possibile giungere con la funivia del Lago Maggiore sulla vetta del Sasso del Ferro.

Funivia del lago Maggiore

Da Laveno Mombello, uno fra i più suggestivi e pittoreschi centri turistici della sponda lombarda del Lago Maggiore, si sale dolcemente con un impianto di comode telecabine biposto, fino quasi alla sommità del monte Sasso del Ferro ( alt. mt. 1.100 circa) da dove si può ammirare, nel silenzio solenne della natura, un grandioso e incantevole panorama sul Lago Maggiore, le Alpi, le Prealpi, i laghi lombardi e la pianura Padana. Il Monte Sasso del Ferro, per la fresca brezza estiva e per la sua mite temperatura invernale è meta ideale per piacevoli gite e per sereni week-end nella tranquillità dei verdi boschi.  Il percorso in funivia dura 16 minuti. Alla stazione di arrivo sono disponibili: Bar, Ristorante, Albergo, Negozio di prodotti tipici ed articoli di souvenir. All’arrivo della funivia c’è il punto di lancio di deltaplani e parapendii.

*********************************************

PER PRENOTARE CLICCA QUI

*********************************************

 

 Per vedere il video “GITA SUL LAGO MAGGIORE” clicca qui

siti    

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: